Storia Rossonera

 

16 dicembre 1899, presso l'Hotel du Nord - Piazza della Repubblica, nasce il Milan Foot-Ball and Cricket Club. Presidente Alfred Ormonde Edwards. Sede societaria č la Fiaschetteria Toscana di via Berchet 1, il campo da gioco č il Trotter di Piazza Doria.

La prima partita ufficiale č datata 15 aprile 1900 a Torino, sconfitta per 3 - 0 con la Torinese.

5 maggio 1901 il Milan vince il suo primo scudetto, ne fanno parte 5 giocatori italiani e 8 britannici: Angeloni, Colombo, Gadda, Negretti, Recalcati, Allison, Davies, Hood, Kilpin (capitano), Lies, Neville, Suter, Wagner.

6 maggio 1906 arriva il secondo scudetto battendo la Juventus che si rifiuta di giocare lo spareggio. La squadra si rinnova e l'unico inglese rimasto č il capitano Kilpin.

7 aprile 1907 arriva il 3 titolo nazionale, allenatore Daniele Angeloni, l'anno seguente il capitano Kilpin chiude con il Milan e dal 30 gennaio 1909 Piero Pirelli diventa il nuovo presidente.

23 marzo 1919 la societą cambia denominazione: da Milan Football and Cricket Club a Milan F.C.

3 ottobre 1926 viene inaugurato lo stadio di S.Siro, 40.000 spettatori, Milan - Sampierdarenese 1 - 2.

Stagione 1928-29, Piero Pirelli dopo quasi 20 anni lascia la presidenza a Luigi Ravasco.

1929-30 arriva la seria A, esordio il 6 ottobre a S.Siro con il Brescia, vittoria per 4 - 1, il Milan termina la stagione all'11 posto.

Nel 1936 nuovo cambio della denominazione sociale, da Milan F.C. a Milan Associazione Sportiva, presidente Emilio Colombo e nel 1945 la definitiva denominazione di A.C. MILAN.

Giovedģ 27 gennaio 1949 Arena Civica di Milano, Milan - Pro Patria 3 - 2, esordio con rete di Gunnar Nordahl, al termine della stagione saranno 16 reti in 15 partite.

10 maggio 1951 dopo 44 anni il Milan vince lo scudetto, č il Milan del Gre-No-Li, Nordahl con 34 goal vince la classifica dei cannonieri. Presidente č Umberto Trabattoni che nel 1954, dopo 14 anni, lascerą la presidenza ed inizierą l'epoca Rizzoli.

1954-55 č l'anno del 5 scudetto con protagonisti Cesare Maldini, Buffon, Schiaffino, Liedholm, Nordahl.

Nel 1956-57 arriva il 6 titolo, Gipo Viani inizia a legare il suo nome a quello della societą.

Nel 1958-59 le 28 reti di Altafini consegnano al Milan il 7 scudetto della storia.

Coppa Italia, 18 settembre 1960 Alessandria - Milan 3 - 5: esordio a 17 anni di Gianni Rivera.

1961-62 inizia l'era di Nereo Rocco. I rossoneri del "Paron" Triestino vincono l'ottavo titolo con un girone di ritorno impressionante (31 punti su 34).

22 maggio 1963 Wembley, Milan - Benfica 2 - 1 doppietta di Altafini. E' la prima Coppa dei Campioni, trofeo per la prima volta vinto da una societą italiana. 14 reti di Altafini, 33 goal fatti e 6 subiti in 9 partite.

Nel 1968 arriva il 9 scudetto, presidente Franco Carraro, allenatore Nereo Rocco, Pierino Prati capocannoniere del torneo con 15 reti.

28 maggio 1969 stadio Santiago Bernabeu, Milan - Ajax 4 - 1 , tripletta di Prati e goal di Sormani. A 6 anni di distanza da Wembley la Coppa dei Campioni torna in via Turati.

Nel 1969 arriva la 1a Coppa Intercontinentale grazie alla doppia sfida con gli argentini dell'Estudiantes di La Plata: 3 - 0 a S. Siro, sconfitta di misura a Buenos Aires.

Dal 1° giugno 1971 il nuovo presidente č Federico Sordillo. Dopo 13 stagioni Giovanni Trapattoni lascia la societą. L'anno successivo arriva la Coppa Italia superando in finale il Napoli per 2 - 0 .

Nel 1973 con Cesare Maldini allenatore e Nereo Rocco Direttore Tecnico il Milan conquista la Coppa delle Coppe battendo in finale il Leeds United grazie ad un goal di Chiarugi. La stagione si conclude con la vittoria della Coppa Italia contro la Juventus che mitiga in parte l'amarezza per la "Fatal Verona" del 20 maggio 1973.

Nel 1977 battendo per 2 - 0 l'Inter il Milan si aggiudica la 4a Coppa Italia della storia.

23 aprile 1978: 28a giornata di campionato Verona - Milan 1 - 2, esordio in rossonero per Franco Baresi.

6 maggio 1979 il Milan vince il 10 scudetto, quello della stella. Gianni Rivera lascia il testimone a Franco Baresi. Nils Liedholm allenatore.

Nel 1979-80 la squadra si trova imminschiata nello scandalo del calcio scommesse ed č declassata all'ultimo posto e retrocessa in serie B. Inibizione definitiva per il presidente Felice Colombo e pesanti squalifiche per Albertosi, Chiodi, Morini G.

La stagione 1980-81 vede il Milan in serie B, ma la promozione non č mai in discussione. Esordio con il Milan per Evani e Tassotti.

Il 1981-82 č un'altra annata negativa che culmina con la 2a retrocessione in serie B, questa volta il verdetto proviene dal campo.

Il campionato di serie B 1982-83 viene vinto con autorevolezza.

Gli anni seguenti sono campionati di assestamento che vedono il ritorno di Nils Liedholm sulla panchina rossonera, gli acquisti tra gli altri di Virdis, Hateley, Wilkins ed il debutto di Paolo Maldini, avventuo il 20 gennaio 1985 ad Udine.

Nel 1986 Silvio Berlusconi diventa il nuovo presidente del Milan, il 21 della storia.

Nel 1987-88 arriva dopo 11 anni di attesa lo scudetto. Arrigo Sacchi č il nuovo allenatore, Gullit e Van Basten i nuovi stranieri, arrivano Ancelotti, Colombo e debutta in 1a squadra Billy Costacurta.

L'anno seguente č di scena un nuovo trio, composto dagli olandesi Gullit-Van Basten-Rijkaard. E' l'anno della 3a Coppa dei Campioni. Nella finale di Barcellona il Milan batte la Steaua Bucarest per 4 - 0 con doppiette olandesi di Gullit e Van Basten. E' del Milan anche la 1a edizione della Supercoppa Italiana, 3 - 1 alla Sampdoria.

Nel 1989-90 arriva un fantastico tris di vittorie: Coppa dei Campioni vinta al Prater di Vienna superando per 1 - 0 il Benfica con goal di Rijkaard, Coppa Intercontinentale a Tokio contro il Nacional di Medellin vinta grazie ad un goal di Chicco Evani all'ultimo minuto dei supplementari. Anche la Supercoppa Europea č dei rossoneri che battono il Barcellona nel doppio confronto (1 - 1 e 1 - 0).

Nel 1990-91 arriva la 3a Coppa Intercontinentale della storia, contro l'Olimpia di Asuncion sconfitto per 3 - 0. La Supercoppa Europea viene conquistata ai danni della Sampdoria (1 - 1 e 2 - 0).

1991-92: dopo 4 anni Arrigo Sacchi lascia il Milan e gli subentra Fabio Capello che porto la squadra allo scudetto senza perdere una partita (22 vittorie e 12 pareggi, 74 goal fatti e 21 subiti). Marco Van Basten č il capocannoniere con 25 goal. Inizia la leggenda degli "Invincibili".

La stagione successiva arriva il 13 scudetto. Il Milan arriva a 58 risultati utili consecutivi. Pure la Supercoppa Italiana č  dei rossoneri che battono il Parma per 2 - 1 con goal di Van Basten e Massaro.

La stagione 1993-94 č ancora all'insegna dei record. 3 scudetto consecutivo e record d'imabattibilitą per Sebastiano Rossi, 928' senza subire goal. Magnifica accoppiata scudetto - coppa dei campioni, vinta superando per 4 - 0 il Barcellona ad Atene. Anche la Supercoppa Italiana č del Milan (1 -0 contro il Torino a Washington goal di Marco Simone).

Il 1994-95 č la stagione delle supercoppe. Quella italiana vinta contro la Sampdoria 4 - 3 ai calci di rigore, mentre in Supercoppa Europea il Milan ha la meglio sull'Arsenal (0 - 0 a Londra e 2 - 0 a San Siro). Da questa stagione la vittoria in campionato viene premiata con 3 punti invece di 2. Marco Van Basten č costretto a ritirarsi dal calcio causa infortunio alla caviglia.

1995-96: 15 scudetto grazie al trio Weah, Baggio, Savicevic.

Nel 1997 lasciano il calcio giocato, rispettivamente dopo 20 e 17 anni di Milan, Franco Baresi e Mauro Tassotti.

Nell'anno del centenario arriva inaspettato il 16 scudetto con Alberto Zaccheroni allenatore e Zvonimir Boban ad illuminare il gioco dietro le punte Bierhoff e Weah. Le ultime 7 partite sono 7 splendide vittorie che consentono al Milan di vincere il titolo. Chiude con il calcio Roberto Donadoni.

Il 21 agosto 1999 in Supercoppa Italiana contro il Parma debutta a San Siro Andriy Shevchenko che al termine della stagione vincerą la classifica dei cannonieri con 24 reti in 32 partite.

11 maggio 2001: Inter - Milan 0 - 6 (2 goal di Comandini, 2 Shevchenko, Serginho, Giunti). Allenatori Cesare Maldini e Mauro Tassotti.

Il 18 novembre 2001 Milan - Piacenza debutta in panchina Carlo Ancelotti, subentrato a Terim.

Nella stagione 2002-2003 arrivano Nesta, Rivaldo e Seedorf. E' l'anno di Pirlo davanti alla difesa ed Inzaghi goleador. Arriva la 6a Coppa dei Campioni vinta contro la Juventus nella finale di Manchester. E' il 28 maggio 2003. Tre giorni dopo i rossoneri vincono anche la Coppa Italia superando la Roma (4 - 1 e 2 - 2) nelle due partite di finale.

L'anno seguente si apre con la vittoria in Supercoppa Europea 1 - 0 contro il Porto con goal di Shevchenko. Il 2 maggio 2004 battendo la Roma per 1 - 0 il Milan conquista il 17 scudetto. Shevchenko č il capocannoniere con 24 reti. Il 1 settembre 2003 in Ancona - Milan 0 - 2 debutta Kaką.

Nel 2004-2005 il Milan apre la stagione vincendo la Supercoppa Italiana contro la Lazio per 3 - 0 con tripletta di Shevchenko.

I campionati 2004-2005 e 2005-2006 vedono il Milan lottare fino all'ultimo contro la Juventus ma per episodi estranei al campo gli scudetti andranno provvisoriamente ai bianconeri.

L'estate del 2006 sarą ricordata a lungo dai rossoneri. Coinvolti e penalizzati ingiustamente in "Calciopoli" il Milan č costretto a disputare i preliminari di Champion's League e cominciare il campionato con una penalizzazione di 8 punti. Nonostante tutto il 23 maggio 2007 ad Atene arriva la 7a Coppa dei Campioni battendo il Liverpool per 2 - 1 con una doppietta di Pippo Inzaghi. In campionato il Milan chiude al 4° posto.

La stagione 2007-2008 inizia il 31 agosto a Montecarlo con la conquista della 5a Supercoppa Europea della storia. Il Milan batte il Siviglia per 3 - 1 con reti di Pippo Inzaghi, Jankulovski e Kaką. 16 dicembre 2007, proprio nel giorno del compleanno numero 108 il Milan vince la sua 4a Coppa Intecontinentale della storia, oggi Mondiale per Club. In finale batte il Boca Juniors per 4 a 2 con una doppietta di Pippo Inzaghi, un goal di Nesta e uno di Kaką. Con questa vittoria il Milan diventa la squadra pił titolata al mondo con 18 trofei internazionali. In Champion's League eliminazione agli ottavi di finale contro l'Arsenal, 0 - 0 a Londra, 2 - 0 per i Gunners a San Siro. In campionato, dopo un'ottima rimonta, la squadra non riesce ad arrivare al quarto posto utile per la qualificazione alla Champion's League. Il quinto posto alle spalle della Fiorentina vale l'accesso alla Coppa Uefa. Lasciano il Milan Serginho e Cafł, rispettivamento dopo 9 e 5 stagioni in rossonero.

Stagione 2008-2009, la campagna acquisti conta ben 10 nuovi rossoneri, Flamini, Abbiati, Borriello, Zambrotta, Antonini, Ronaldinho, Cardacio, Viudez, Shevchenko, Senderos e le partenze tra gli altri di Brocchi, Oddo, Gilardino, Gourcuff, Fiori, Ronaldo, Simic, Digao e Paloschi. A gennaio 2009 arriva David Beckham, in prestito fino al termine della stagione. La squadra dopo molti infortuni riesce a qualificarsi per la Champion's League. Carlo Ancelotti lascia il Milan dopo otto anni, al suo posto Leonardo. Paolo Maldini lascia il calcio ed il Milan dopo 25 anni.

Stagione 2009-2010, il nuovo mister č Leonardo, arrivano Huntelaar, Abate, Thiago Silva e qualche giovane. La campagna abbonamenti fa registrare il minimo di abbonati dell'era Berlusconi, poco pił di 26.000 abbonati. Nel mercato di gennaio ritorna dagli States, David Beckham. La squadra termina il campionato al terzo posto qualificandosi direttamente alla Champions Legue. Leonardo lascia il Milan dopo solo un anno da allenatore. Nelson Dida lascia il Milan dopo 9 stagioni in rossonero.

Stagione 2010-2011 il nuovo allenatore č Massimiliano Allegri. Arrivano al Milan Ibrahimovic e Robinho, lasciano il Milan Borriello, Huntelaar e Kaladze. Nel mercato di gennaio Ronaldinho lascia il Milan dopo due stagioni e mezza, dalla Sampdoria arriva Antonio Cassano. In gennaio arrivano Emanuelson dall'Ajax e Van Bommel dal Bayern Monaco. Sabato 7 maggio con il pareggio per 0 a 0 a Roma arriva il 18° scudetto della storia rossonera, l'ottavo della gestione Berlusconi.

Stagione 2011-2012 si apre subito con la vittoria nella Supercoppa Italiana, la sesta vittoria arriva vincendo il derby per 2 a 1. Arrivano in rossonero Mexes, Taiwo, El Shaarawy, lascia il Milan dopo dieci stagioni Andrea Pirlo. A gennaio arrivano Muntari, Merkel, Mesbah, Maxi Lopez, viene ceduto Taiwo. In Champions League Milan eliminato ai quarti di finale dal Barcellona, in Coppa Italia il cammino si ferma in semifinale, in campionato secondo posto. Lasciano il Milan Nesta, Inzaghi, Gattuso, Seedorf, Zambrotta, Van Bommel, Thiago Silva, Ibrahimovic e Cassano.

Stagione 2012-2013 arrivano Montolivo, Traorč, Acerbi, De Jong, Niang, Bojan e Pazzini nello scambio con l'Inter con Cassano. Filippo Inzaghi diventa allenatore degli Allievi Nazionali del Milan. Nel mercato di gennaio Alexandre Pato lascia il Milan dopo quattro anni, ritorna in Brasile al Corinthians. In Coppa Italia eliminato ai quarti dalla Juventus dopo i tempi supplementari. Nel mercato di gennaio 2013 arriva dal Manchester City Mario Balotelli. In Champions League incredibile vittoria per 2 a 0 contro il Barcellona nella gara di andata degli ottavi di finale, poi rossoneri eliminati al ritorno sconfitti per 4 a 0. La stagione si chiude con la conquista del terzo posto e play off di Champions League. Dopo diciotto anni Massimo Ambrosini lascia il Milan. Dopo tre anni lascia il Milan anche Kevin Prince Boateng.

Stagione 2013-2014 inizia con la qualificazione del Milan alla fase a gironi di Champions League, eliminato il PSV Eindhoven nel doppio confronto; il giorno due settembre ritorna al Milan Ricky Kaką; sempre nel mercato di agosto arriva dalla Juventus l'attaccante Matri. Dopo quarantasette anni il Milan cambia sede, da via Turati a via Aldo Rossi in zona Fiera, la nuova sede si chiama "Casa Milan". Ariedo Braida a fine dicembre 2013 lascia la carica di Direttore Sportivo dopo 28 anni di Milan. Arriva Honda, primo giocatore giapponese della storia rossonera. Il 13 gennaio 2014 dopo la sconfitta per 4 a 3 contro il Sassuolo, Massimiliano Allegri viene esonerato. Matri viene ceduto in prestito alla Fiorentina. Clarence Seedorf č il nuovo allenatore del Milan. In Champions League il Milan č eliminato agli ottavi di finale dall'Atletico Madrid. La stagione si conclude con l'ottavo posto in campionato e l'esclusione dalle coppe europee. Al termine della stagione Clarence Seedorf viene esonerato, al suo posto Filippo Inzaghi. Kaką lascia il Milan risolvendo consensualmente il proprio contratto e ritorna al San Paolo. A fine agosto Mario Balotelli viene ceduto al Liverpool.

 

Home page