I GRANDI NUMERI 10

"da Rivera a Gullit, da Boban a Savicevic, da Rui Costa a Seedorf, storia dei pi grandi numeri 10 della storia rossonera. Ognuno con la propria classe, stile, fantasia ed estro, ma con una caratteristica in comune: essere giocatori da Milan"


 

GIANNI RIVERA

"Il golden boy"

Nato il 18 agosto 1943 ad Alessandria.

2 giugno 1959: esordio in Serie A a 16 anni non ancora compiuti, nella partita Alessandria - Inter finita 1 - 1.

Con l'Alessandria disputa due campionati, 1958-59 e 1959-60, giocando 26 partite e realizzando 6 reti.

Nel 1960 passa al Milan dove rimarr per 19 stagioni, con 658 presenze e 164 goal.

18 settembre 1960: esordio ufficiale con il Milan, in Coppa Italia ad Alessandria, vittoria per i rossoneri 5 a 3.

25 settembre 1960: esordio in campionato a San Siro contro il Catania ( vittoria 3 a 0).

6 novembre 1960: primo goal in campionato, sesta giornata, a Torino contro la Juventus, vittoria per 4 a 3 e rete al 58 minuto della ripresa.

Al termine della prima stagione le presenze saranno 33 con 6 reti.

12 settembre 1962: primo goal in Coppa dei Campioni, vittoria per 8 a 0 a San Siro contro il U.S. Luxembourg.

19 gennaio 1964: prima marcatura in un derby, vittoria per 2 a 0.

La sua miglior stagione in termini di goal quella del 1972-73 con 43 presenze in totale e 20 reti, di cui 17 in campionato.

13 maggio 1979: ultima partita in rossonero e della carriera, a Roma contro la Lazio, ultima di campionato e finita in parit 1 a 1.

22 aprile 1979: suo ultimo goal a San Siro contro il Verona, al 47 del secondo tempo (2 a 1 per il Milan il risultato finale).

1969: primo calciatore italiano a vincere il Pallone d'oro nel 1969, dopo essere arrivato secondo nel 1963 a soli 19 anni.

In maglia rossonera ha vinto:

3 scudetti (1961-62, 1967-68, 1978-79);

2 Coppe dei Campioni (1963 e 1969);

1 Coppa Intercontinentale (1969);

4 Coppe Italia (1967, 1972, 1973, 1977);

2 Coppe delle Coppe (1968, 1973).

1973: vince la classifica dei cannonieri in serie A con 17 reti.

Ha disputato 501 partite e 122 goal in serie A, 74 presenze e 28 reti in Coppa Italia, 76 partite e 13 reti nelle coppe europee, e altre 7 presenze e 1 goal tra Coppa Intercontinentale, Coppa dell'Amicizia e Mitropa Cup.

In Nazionale ha disputato 60 partite realizzando 14 reti, dal 1962 al 1974. Ha vinto il Campionato Europeo nel 1968 ed ha partecipato a 4 edizioni dei Mondiali, 1962, 1966, 1970, 1974.

Alcune immagini significative:

CON L'ALESSANDRIA         WEMBLEY 22 MAGGIO 1963 FINALE COPPA CAMPIONI                  1970: ITALIA - GERMANIA 4 - 3

  

IL DERBY DI GIANNI RIVERA...

            IL VERO DUALISMO CON MARIO CORSO                   IL DUALISMO "MEDIATICO" CON MAZZOLA

                        

     GLI ANNI SETTANTA                                  1979 LO SCUDETTO DELLA STELLA                                         OGGI POLITICO

       

 

 

RUUD GULLIT

"Il tulipano nero"

Nato il 1 settembre 1962 ad Amsterdam in Olanda, inizia la carriera nei dilettanti olandesi dei Meer Boys e poi nel Dws. L'esordio nei professionisti avviene nella stagione 1979-80 con l'Haarlem dove rimane tre stagioni con 126 presenze e 44 goal. Nel 1982 passa al Feyenoord, disputando altre tre stagioni con 101 partite e 40 reti. Conquista uno scudetto ed una Coppa d'Olanda. Nel 1985 passa al PSV Eindhoven con 75 presenze e 54 goal vincendo due scudetti. Nell'estate del 1987 viene acquistato dal Milan per circa 13 miliardi di lire. L'esordio avviene il 23 agosto 1987 a San Siro in Coppa Italia contro il Bari, vittoria per 5 a 0 e primo goal al 57 del secondo tempo. In campionato debutta il 13 settembre 1987 a Pisa, vittoria per 3 a 1 e goal al minuto 73 della ripresa. Al termine della stagione le presenze sono 39 con 13 reti. Nel 1987 vince anche il Pallone d'Oro come miglior calciatore d'Europa. In Coppa dei Campioni debutta il 7 settembre 1988 a Sofia in Bulgaria, segnando la rete del definitivo 2 a 0 per il Milan. Le presenze nella stagione sono 28 con 11 reti. Nella stagione 1898-90 resta fuori quasi tutta la stagione per un infortunio al ginocchio, giocando per il 23 maggio 1990 la finale di Coppa dei Campioni a Vienna contro il Benfica. Nel 1990-91 colleziona 34 presenze e 9 reti, mentre nel 1991-92 le partite disputate sono 27 con 8 goal. Il 1992-93 la seconda miglior annata per numero di reti in totale, 11 in 26 partite. Nel 1993-94 passa in prestito alla Sampdoria. L'anno successivo ritorna al Milan ma disputa solamente 14 partite con 4 reti prima di tornare definitivamente alla Sampdoria. La sua ultima partita con il Milan il 30 ottobre 1994 a Torino contro la Juventus, mentre la sua ultima rete del 18 settembre 1994, doppietta contro la Lazio a San Siro. In totale le partite di Gullit in rossonero sono 171 con 56 goal di cui 125 presenze e 38 reti in campionato, 26 partite e 7 goal nelle coppe europee, 17 partite e 10 goal in Coppa Italia, 1 presenze nella Coppa Intercontinentale, 2 partite ed 1 goal nella Supercoppa Italiana.  Con il Milan ha vinto: 3 scudetti (1987-88, 1991-92, 1992-93), 2 Coppe dei Campioni (1989 e 1990), 2 Supercoppe Europee (1989 e 1990), 2 Coppe Intercontinentali (1989 e 1990), 3 Supercoppe Italiane (1988, 1992, 1994). In nazionale olandese ha disputato 66 partite e 17 goal, vincendo il Campionato Europeo nel 1988 in Germania, siglando il goal dell' 1 a 0 in finale contro l'URSS ( vittoria finale per 2 a 0). Inizia la carriera di allenatore, tre le sue squadre il Chelsea, Newcastle United, Olanda Under 19, Feyenoord, Galaxy Los Angeles.

Alcune immagini significative:

                                                                              PSV EINDHOVEN                           ARRIVO AL MILAN E PALLONE D'ORO 1987

      

24 APRILE 1988: GOAL NEL DERBY                       VITTORIA EUROPEI 1988                                             OGGI ALLENATORE

                                      

 

 

ZVONIMIR BOBAN

"Zorro"

Nato ad Imotski, l'8 ottobre 1968. Cresce calcisticamente nella Dinamo di Zagabria, debuttando a soli 16 anni e rimanendovi dal 1985 al 1991, 109 presenze e 45 reti. Nel 1991 arriva al Milan che lo manda in prestito al Bari. L'esordio in serie A avviene il 17 novembre 1991 nella partita Bari - Lazio 1 - 2. Nella stagione 1992-93 ritorna al Milan in cui colleziona 22 presenze ed 1 rete. L'esordio in maglia rossonera avviene il 2 settembre 1992 in Coppa Italia contro la Ternana, vittoria rossonera per 6 a 2. In Coppa dei Campioni l'esordio datato 30 settembre 1992 contro l'Olimpija Ljubljana, gara vinta 3 a 0. La prima rete in maglia rossonera del 4 novembre 1992 a San Siro, ottavi di finale di Coppa dei Campioni, vittoria per 4 a 0 e rete di Zvonimir al ventinovesimo minuto del primo tempo. Nella stagione 1993-94 Boban colleziona 30 presenze e 4 reti. Il primo goal in campionato avviene il 29 agosto 1993 a Lecce, vittoria per 1 a 0. Nella stagione 1994-95 aumentano le presenze, 35 con 3 reti all'attivo. L'anno successivo colleziona 20 presenze con 6 reti, di cui 3 in Coppa Uefa. La stagione 1996-97 la migliore in termini di presenze, 36 con 2 reti. Dopo le 29 presenze e 3 reti dell'anno successivo, arriva la stagione 1998-99, sicuramente la migliore di Zvonimir. Le sue 31 presenze e 2 reti contribuiscono alla vittoria del campionato nell'anno del centenario rossonero. Nella stagione 1999-2000 colleziona 22 presenze e 6 reti, realizzate tutte in campionato. Il 7 gennaio 2001 realizza il suo primo goal nel derby, 2 a 2 il risultato finale. 2000-2001: la sua ultima stagione in rossonero terminata con 26 presenze e 3 reti. La sua ultima gara con il Milan avviene il 29 aprile 2001 a San Siro, alla ventottesima giornata di campionato, vittoria rossonera per 1 a 0. Il 1 aprile del 2001 realizza la sua ultima rete, vittoria per 1 a 0 sulla Lazio. Nell'estate del 2001 lascia il Milan e si trasferisce in Spagna, al Celta Vigo ma si ritira dopo soli 2 mesi e mezzo. In totale con il Milan ha disputato 251 partite e realizzando 30 goal. In campionato le presenze sono 178 con 21 reti, in Coppa Italia 26 presenze e 2 reti, nelle Coppe Europee ha totalizzato 43 partite e 7 goal, 1 presenza nella Coppa Intercontinentale, 1 nella Supercoppa Europea, 2 presenze in Supercoppa Italiana. Con il Milan ha vinto: 4 scudetti (1992-93, 1993-94, 1995-96, 1998-99), 1 Coppa dei Campioni (1994), 1 Supercoppa Europea (1995), 2 Supercoppe Italiane (1993, 1994). In nazionale ha disputato 51 partite e 12 goal con la Croazia (dal 1991 al 1999), alle quali si aggiungono le 8 presenze ed 1 rete nella nazionale Jugoslava, dal 1998 al 1991. Con la Croazia si classificato al terzo posto ai Mondiali del 1998. Inizia la carriera di commentatore televisivo a SKY, da maggio 2016 vicesegretario generale della FIFA.

Alcune immagini significative:

CON LA DINAMO ZAGABRIA                                                        TUTTA LA SUA CLASSE IN ROSSONERO...

                                 

 

                  L'ADDIO AL MILAN...                                     IL SALUTO DI SAN SIRO...                     CON LA MAGLIA DELLA CROAZIA

       

 

 

DEJAN SAVICEVIC

"Il Genio"

Nato il 15 settembre 1966 a Titograd, Serbia Montenegro, all'epoca Jugoslavia. Inizi nella squadra della sua citt per poi passare nel 1988 alla Stella Rossa di Belgrado con la quale vince 3 scudetti ed una coppa nazionale. Disputa 4 stagioni culminate nel 1991 con la vittoria della Coppa dei Campioni e della Coppa Intercontinentale. Nell'estate del 1992 arriva al Milan. L'esordio in maglia rossonera avviene il 26 agosto 1992 a San Siro contro la Ternana, incontro di Coppa Italia vinto per 4 a 0 grazie anche alla prima doppietta del genio. In serie A debutta il 13 settembre 1992 a Pescara, vittoria rossonera per 5 a 4. In Europa il debutto avviene il 17 marzo 1993 a San Siro contro il Porto, entra a dieci minuti dal termine nell'incontro vinto per 1 a 0. Il primo goal in serie A datato 24 gennaio 1993 a San Siro, rigore vincente al minuto 78. La prima stagione al Milan si conclude con 17 presenze e 7 reti, 4 in campionato e 3 in Coppa Italia. La stagione successiva aumentano le presenze, 32 con 4 reti all'attivo. Arriva la prima marcatura europea, il 2 marzo 1994 a San Siro contro il Werder Brema, rete della vittoria al 68 minuto. La stagione si concluse con un goal straordinario in finale di Coppa dei Campioni contro il Barcellona. Il 1994-95 la sua stagione migliore in termini di goal, 11 di cui 9 in campionato. Il suo primo goal in un derby avvenne il 29 ottobre 1995 8 giornata di andata, rete del pareggio al 46 minuto. La sua ultima stagione fu quella del 1997-98 ed il suo ultimo goal contro l'Inter nel derby di andata di Coppa Italia, 8 gennaio 1998, vittoria per 5 a 0. La sua ultima gara in rossonero in serie A del 26 aprile 1998, a San Siro contro il Napoli, risultato finale di 0 a 0. L'ultimo incontro ufficiale disputato con il Milan il 29 aprile 1998 finale di ritorno di Coppa Italia, sconfitta per 3 a 1. Lasciato il Milan nell'estate 1998, ritorna alla Stella Rossa di Belgrado, terminando poi la sua carriera in Austria nel Rapid Vienna. In totale con il Milan ha disputato 144 partite segnando 34 goal. 97 presenze e 20 reti in campionato, 20 partite e 7 goal in Coppa Italia, 27 presenze e 7 reti nelle coppe europee e intercontinentali. Con il Milan ha vinto: 3 scudetti (1992-93, 1993-94, 1995-96), 1 Coppa dei Campioni (1994), 3 Supercoppe Italiane (1992, 1993, 1994), 1 Supercoppa Europea (1995).  Diventa dirigente sportivo, ora presidente della federcalcio montenegrina.

Alcune immagini significative:

          L'INIZIO CON LA STELLA ROSSA                                                    AL MILAN                                      LA SUA CLASSE...

      

 

IL CAPOLAVORO CONTRO IL BARCELLONA, 18 MAGGIO 1994 AD ATENE

 

                                                                               GLI ULTIMI ANNI                    IN NAZIONALE                           ALLENATORE

            

 

 

MANUEL RUI COSTA

"Assist man"

Nato il 29 marzo 1972 a Lisbona. E' stato scoperto a soli 9 anni da Eusebio entrando a far parte delle giovanili del Benfica. Vi rimane fino al 1990 per poi passare al AD Fafe, 38 presenze e 6 reti. Nel 1991 passa al Benfica collezionando 107 presenze e 18 reti. Vince la Coppa del Portogallo nel 1993 ed il Campionato nel 1994. Nel 1994 si trasferisce in Italia alla Fiorentina in cui rimane 7 stagioni con 239 partite e 40 goal. Con i viola vince 2 Coppe Italia nel 1996 e nel 2001 e la Supercoppa Italiana nel 1996. Nel 2001 arriva il passaggio al Milan per la cifra record di 85 miliardi di lire. L'esordio in maglia rossonera avviene il 26 agosto 2001 a Brescia, prima giornata di campionato, incontro terminato 2 - 2. Il debutto in Europa avviene il 27 settembre 2001 a San Siro partita di ritorno del primo turno di Coppa Uefa, risultato finale 4 a 0 per il Milan e prima rete di Rui Costa al 20 del primo tempo. Il debutto in Coppa Italia datato 13 novembre 2001 a San Siro contro il Perugia, andata ottavi di finale e vittoria per 3 a 0. Al termine della prima stagione le presenze sono 33 con 3 reti all'attivo, tutte in Coppa Uefa. L'esordio in Champion's League avviene il 14 agosto 2002 a San Siro, incontro di andata del turno preliminare contro lo Slovan Liberec, 1 a 0 per il Milan. Il 18 settembre 2002 sempre a San Siro contro il Lens, 2 a 1 per il Milan, c' invece il vero debutto in Coppa dei Campioni. A fine stagione le presenze sono 48 con una rete in Coppa Italia. Il 25 gennaio 2004 avviene la prima rete in Serie A con il Milan, vittoria per 5 a 0 a San Siro contro l'Ancona. La stagione si conclude con 41 presenze e 3 reti realizzate in campionato. Gli anni successivi diminuiscono le presenze soprattutto per l'esplosione di Kak ma continuano gli assist per i compagni, 65 al termine della sua carriera in rossonero. Il 25 maggio 2006 lascia il Milan per tornare al Benfica. In totale in rossonero ha disputato 192 partite con 11 reti, di cui 124 e 4 goal in serie A. Con il Milan ha vinto: 1 scudetto (2003-04), 1 Champion's League (2003), 1 Supercoppa Europea (2003), 1 Coppa Italia (2003), 1 Supercoppa Italiana (2004). Con la nazionale portoghese ha giocato 94 partite con 26 reti, si classificato al secondo posto agli Europei del 2004, mentre con la Nazionale Under 20 ha vinto il mondiale nel 1991. L'undici maggio 2008 ha giocato la sua ultima partita con il Benfica vincendo 3 a 0 contro il Vitoria Setubal. Oggi direttore sportivo del Benfica.

Alcune immagini significative:
 

                                                IN ITALIA CON LA FIORENTINA                     2001, L'ARRIVO AL MILAN                                    IL 10 ROSSONERO

              

 

                                                           IN NAZIONALE                                         IL RITORNO AL BENFICA                        L'ADDIO AL CALCIO

      

 

prossimamente Seedorf...

 

Home page